Per le Scuole
     Home Su Ricerca nel sito Napoli Milano Napoli Pisa Roma Corfù Paxi Roma Gallipoli Condizioni Rimborso Guida Sicurezza Salerno Napoli Firenze Naples Milan

 

Gruppo Leonetti & Gallucci - gestione Autolinee, agenzia di viaggio a Salerno, noleggio autobus a Salerno e Napoli, linea internazionale Napoli Atene. autobus da  Napoli per Atene,Napoli Brindisi Corfù e Paxos, Napoli Pescara Hvar e Spalato.

 

Seguici su

 

Home

 

Possiedi un iPhone

scarica la nostra APP

 cliccando sull'icona

 

T.T.I. srl

Azienda certificata 

ISO 9001:2000 n°845/07

per le attività di: agenzia di viaggio, noleggio autobus e autolinee

 

 

autobus


I nostri viaggi :

Gite brevi

Gite di più giorni


 

  1. CIRCOLARE  11 aprile 2002 Prot. n. 645  

  2. SCHEMA DI CAPITOLATO D’ONERI  

  3. Nota 1 – Art. 11, D.L.vo del 17 marzo 1995, n.111 – Revisione del prezzo  

  4. Nota 2 - Art.7, D.L.vo del 17 marzo 1995, n.111  - Elementi del contratto di vendita di pacchetti turistici  

  5. Nota 3 -  artt.1 e 5,    Decreto del Ministero dell’Industria del Commercio e dell’Artigianato del 23 luglio 1999, n. 349 (relativi al Fondo nazionale di garanzia per il consumatore di pacchetto turistico)  

  6. circolare ministeriale "n° 291 del 14.10.1992" relativa ai viaggi d'istruzione

 

Dipartimento per i Servizi nel Territorio
Direzione Generale per l'Organizzazione dei Servizi nel Territorio
Ufficio III

Prot. n. 645                                                                                 Roma, 11 aprile 2002

Oggetto: Visite guidate e viaggi d'istruzione. Schema di capitolato d'oneri tra istituzioni scolastiche ed agenzie di viaggi.

Nel quadro dei propri compiti istituzionali, questa Direzione Generale, a seguito di richiesta avanzata dalla FIAVET, associazione di categoria nel settore di cui trattasi, ha curato, con apposito gruppo di lavoro costituito in data 5 marzo 2002, la stesura di uno schema di capitolato d'oneri che potrà essere utilizzato per disciplinare il rapporto contrattuale tra istituzioni scolastiche e agenzie di viaggi in materia di visite guidate e viaggi d'istruzione.
E' nota la valenza educativa e culturale dei viaggi d'istruzione, relativamente ai quali sono state emanate fino ad oggi numerose circolari; essi rappresentano, infatti, nell'articolato progetto dell'offerta formativa della scuola, una opportunità fondamentale per la promozione dello sviluppo relazionale e formativo di ciascun alunno e per l'attuazione del processo di integrazione scolastica dello studente diversamente abile, nel pieno esercizio del diritto allo studio.
Non può non evidenziarsi, al riguardo, l'importanza che assume, nella realizzazione delle iniziative in questione, l'adozione di forme di collaborazione tra studenti per lo sviluppo della convivenza civile e democratica, soprattutto in presenza di situazioni di disagio.
Le visite guidate ed i viaggi d'istruzione esigono, ovviamente, in considerazione delle motivazioni culturali, didattiche e professionali, che ne costituiscono il fondamento ed il fine, un'adeguata programmazione didattica e organizzativa per ottimizzare il perseguimento degli obiettivi previsti, nonché per garantire l'importante ed ineludibile necessità della massima sicurezza, a tutela dell'incolumità dei partecipanti.
Alla luce di tutto quanto sopra esposto, lo schema di capitolato d'oneri, che si allega, elaborato nel più ampio confronto con la associazioni di categoria, vuole essere uno strumento per le scuole che, nell'ambito della propria autonoma gestione del servizio e della diretta responsabilità organizzativa in materia, intendano stipulare contratti con agenzie di viaggi qualificate, per lo svolgimento di viaggi d'istruzione e di visite guidate.
Si pregano, pertanto, codesti Uffici di voler curare la diffusione del documento di cui trattasi presso tutte le scuole dell'ambito territoriale di competenza, per favorire comportamenti omogenei, nel rispetto della normativa vigente .

Il Direttore Generale
Silvana Riccio

 SCHEMA DI CAPITOLATO D’ONERI

TRA

LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E LE AGENZIE DI VIAGGI  

1.      L’Agenzia di Viaggi (di seguito denominata ADV) si impegna a rispettare le indicazioni delle CC.MM. n. 291 del 14/10/1992 e n.623  del 2/10/1996, fornendo, su richiesta dell’Istituzione Scolastica (di seguito denominata IS), tutte le certificazioni richieste nelle circolari stesse, in particolare quelle di cui all’art. 9, commi 7 e 10  della C.M. n. 291/92, anche mediante autocertificazione del rappresentante legale dell’ADV;

2.     la validità dei preventivi sarà riferita alla data prevista dell’effettuazione del viaggio, salvo variazioni dei costi documentabili e non imputabili all’ ADV (es.: cambi valutari, trasporto, carburante, pedaggi autostradali, posteggi, ingressi, tasse, ecc. Si richiama al riguardo l’art. 11 D.L.vo del 17/3/1995 n.111 di cui all’appendice del presente capitolato, nota 1);

3.     in calce ad ogni preventivo l’ADV fornirà, su richiesta dell’IS, tutte le indicazioni riguardo ad altri servizi quali,  ad esempio, ingressi a musei o siti archeologici, gallerie, mostre, ecc., che richiedono il pagamento in loco. I suddetti servizi dovranno essere necessariamente richiesti al momento della prenotazione del viaggio ed i  relativi importi saranno  inclusi nella quota di partecipazione. Lo stesso varrà per i servizi di guide, interpreti od accompagnatori ;

 4.     l’affidamento dell’organizzazione del viaggio, da parte dell’IS, dovrà avvenire con una lettera d’impegno dell’IS stessa e dovrà essere stipulato un contratto con l’ADV, contenente tutti gli elementi relativi al viaggio, come previsto dal D.L.vo del 17/3/1995 n. 111 di attuazione della Direttiva 314/90/CEE (di cui all’appendice del presente capitolato, nota 2) ed in coerenza con le norme dettate dal D.I. n. 44 dell’1 febbraio 2001 concernente le “Istruzioni generali sulla gestione amministrativo-contabile delle istituzioni scolastiche”.  Detto contratto dovrà essere firmato sia dall’ADV che dall’IS nelle persone legalmente autorizzate. Soltanto la regolare stipula del contratto consente all’IS di poter accedere al “Fondo nazionale di garanzia”, per i casi di cui all’art.1  e  secondo le procedure di cui all’art. 5, del Regolamento n.349 del 23 luglio 1999 , recante norme per la gestione ed il funzionamento del Fondo nazionale di garanzia per il consumatore di pacchetto turistico. (Si rimanda, al riguardo, all’appendice del presente capitolato, nota n. 3) ;

 5.     in caso di partecipazione al viaggio di istruzione di alunni in situazione di handicap, dovranno essere osservate le seguenti indicazioni:

 a)    l’IS, per una corretta e funzionale organizzazione, nonché per la determinazione del costo del viaggio,comunicherà all’ADV   la presenza di allievi in situazione di handicap, i relativi servizi necessari e l’eventuale presenza di assistenti educatori culturali;

b)    agli allievi in situazione di handicap e agli assistenti educatori culturali dovranno essere forniti i servizi idonei, secondo la normativa vigente in materia;

6.     le quote di partecipazione saranno stabilite in relazione ad un numero minimo e massimo di persone paganti ed alla capienza dei mezzi di trasporto. In caso di difformità tra il numero di tali persone ed il numero di persone partecipanti comunicato dall’IS, il costo sarà ricalcolato ed indicato all’IS medesima;

 7.     lo/gli albergo/ghi dovrà/nno essere della categoria richiesta. Lo/Gli stesso/i sarà/nno indicato/i (nome, indirizzo, telefono/fax, ubicazione) da parte dell’ADV, dopo l’affidamento dell’organizzazione, alla conferma dei servizi. Le sistemazioni saranno in camere singole gratuite per i docenti (una ogni 15 paganti) ed a più letti per gli studenti; ulteriori camere singole, subordinatamente alla disponibilità dello/gli albergo/ghi, comporteranno un supplemento. La sistemazione del gruppo avverrà in un solo albergo, salvo che, per l’entità del gruppo o in caso di piccoli centri, si renda necessaria la sistemazione in più alberghi. L’ubicazione dovrà essere il più vicino possibile ai luoghi da visitare;

 8.     in relazione ai servizi di pensione completa o di mezza pensione dovrà essere indicato se i pasti saranno serviti nello/gli albergo/ghi stesso/i, in ristorante/i o con cestino/i da viaggio (quest’ultimo/i se richiesto/i);

 9.     i viaggi d’istruzione potranno essere effettuati con qualsiasi mezzo idoneo di trasporto. La comunicazione  dell’entità dei posti, richiesti ed assegnati da parte dei Vettori, dovrà essere fornita all’IS dall’ADV (anche in copia) all’atto della conferma dei servizi previsti per il relativo viaggio;

10.    ove siano utilizzati autopullmann, gli stessi saranno a disposizione per tutti gli spostamenti del gruppo,  inerenti all’itinerario precedentemente stabilito. Nelle quote si intendono inclusi: carburante, pedaggi autostradali, ingressi in città e parcheggi, iva, diaria vitto ed alloggio autista/i, eventuale secondo autista nelle circostanze previste dalla C.M. n.291 del 14/10/1992. 

     L’IS può riservarsi di far verificare, alla partenza del viaggio ed avvalendosi delle Autorità competenti, l’idoneità dei mezzi utilizzati;

11.    l’IS dovrà garantire, con apposita dichiarazione scritta preventiva, la conservazione dello stato delle strutture alberghiere/ristorative al momento della partenza dalle stesse, nonché dei mezzi di trasporto utilizzati. Nel caso vengano denunciati danni imputabili all’IS, quest’ultima e l’ADV si riserveranno di riscontrare gli stessi e di verificarne l’entità con i relativi fornitori. L’ammontare dell’eventuale spesa sarà addebitata all’IS  con specifica fattura emessa dall’ADV;

12.     le gratuità di viaggio saranno accordate in ragione di una ogni quindici partecipanti paganti;  

13.     sarà versato, al momento che l’ADV confermerà i servizi prenotati e su presentazione della relativa fattura,  un acconto delle quote pari al 25%. Il saldo avverrà, su presentazione delle relative fatture, entro e non oltre cinque giorni  dal rientro dal viaggio;

 14.    l’ADV rilascerà all’IS, prima della partenza, i documenti relativi al viaggio (voucher, titoli di trasporto). Sui voucher saranno indicati: il nome dell’IS, l’entità del gruppo, i servizi prenotati ed il fornitore relativi al viaggio. L’IS, nella persona  del responsabile accompagnatore, avrà cura di rilevare l’esatto numero dei partecipanti, nonché l’utilizzo dei servizi previsti, con apposita dichiarazione  sottoscritta sui relativi documenti di viaggio (voucher, titoli di trasporto); in caso di trasporto ferroviario/marittimo, il responsabile accompagnatore avrà cura di farvi annotare dal personale competente il numero esatto dei viaggiatori. Tali adempimenti  consentiranno  all’IS di poter, eventualmente, ottenere il rimborso, qualora il numero dei partecipanti sia stato oggetto di variazioni in meno oppure non tutti i servizi siano stati utilizzati per causa di forza maggiore. L’IS dovrà, al rientro in sede della comitiva e, comunque, entro e non oltre cinque giorni, informare  l’ADV delle eventuali variazioni relative al numero dei partecipanti, nonché dei servizi di cui non si è usufruito. 

 

  Per quanto non specificatamente richiamato nel presente documento, si rinvia alla normativa vigente in materia, già menzionata, con particolare riferimento al decreto legislativo del 17-3-95,n.111, relativo all’ Attuazione della direttiva n.314/90/CEE concernente i viaggi, le vacanze ed i circuiti  “tutto compreso”

 

Le richieste di preventivo per i viaggi di istruzione non rientrano nella normativa di legge prevista per le gare d’appalto.

 

APPENDICE:

Nota 1 – Art. 11, D.L.vo del 17 marzo 1995, n.111 – Revisione del prezzo

1.    La revisione del prezzo forfetario di vendita di pacchetto turistico convenuto dalle parti è ammessa solo quando sia stata espressamente prevista nel contratto, anche con la definizione delle modalità di calcolo, in conseguenza della variazione del costo del trasporto, del carburante, dei diritti e delle tasse quali quelle di atterraggio, di sbarco o imbarco nei porti o negli aeroporti, del tasso di cambio applicato.

2.    La revisione al rialzo non può in ogni caso essere superiore al 10% del prezzo nel suo originario ammontare.

3.   Quando l’aumento del prezzo supera la percentuale di cui al comma 2, l’acquirente può recedere dal contratto, previo rimborso delle somme già versate alla controparte.

4.    Il prezzo non può in ogni caso essere aumentato nei venti giorni che precedono la partenza.

 

Nota 2 - Art.7, D.L.vo del 17 marzo 1995, n.111  - Elementi del contratto di vendita di pacchetti turistici

Il contratto contiene i seguenti elementi:

a.    destinazione, durata, data d’inizio e conclusione, qualora sia previsto un soggiorno frazionato, durata del medesimo con relative date di inizio e fine,

b.    nome, indirizzo, numero di telefono ed estremi dell’autorizzazione all’esercizio dell’organizzatore o venditore che sottoscrive il contratto;

c.    prezzo del pacchetto turistico, modalità della sua revisione, diritti e tasse sui servizi di atterraggio, sbarco e imbarco nei porti ed aeroporti e gli altri oneri posti a carico del viaggiatore;

d.    importo, comunque non superiore al venticinque per cento del prezzo, da versarsi all’atto della prenotazione, nonché il termine per il pagamento del saldo; il suddetto importo è versato a titolo di caparra ma gli effetti di cui all’art. 1385 del codice civile non si producono allorchè il recesso dipenda da fatto sopraggiunto non imputabile, ovvero sia giustificato dal grave inadempimento della controparte;

e.    estremi della copertura assicurativa e delle ulteriori polizze convenute con il viaggiatore;

f.    presupposti e modalità di intervento del fondo di garanzia di cui all’art.21;

g.    mezzi, caratteristiche e tipologie di trasporto, data, ora, luogo della partenza e del ritorno, tipo di posto assegnato;

h.    ove il pacchetto turistico includa la sistemazione in albergo, l’ubicazione, la categoria turistica, il livello, l’eventuale idoneità all’accoglienza di persone disabili, nonché le principali caratteristiche, la conformità alla regolamentazione dello Stato membro ospitante, i pasti forniti;

i.     itinerario, visite, escursioni o altri servizi inclusi nel pacchetto turistico, ivi compresa la presenza di accompagnatori e guide turistiche;

l.  termine entro cui il consumatore deve essere informato dell’annullamento del viaggio   per la mancata  adesione del numero minimo dei partecipanti previsto;

m.   accordi specifici sulle modalità del viaggio espressamente convenuti tra l’organizzatore o il venditore e il consumatore al momento della prenotazione;

n.    eventuali spese poste a carico del consumatore per la cessione del contratto ad un terzo;

o.    termine entro il quale il consumatore deve presentare reclamo per l’inadempimento o l’inesatta esecuzione del contratto;

p.    termine entro il quale il consumatore deve comunicare la propria scelta in relazione alle modifiche delle condizioni contrattuali di cui all’art.12.

Nota 3 -  artt.1 e 5,    Decreto del Ministero dell’Industria del Commercio e dell’Artigianato   del 23 luglio 1999, n. 349

Art. 1 - Competenze e ambito di applicazione

1.     Al Dipartimento del turismo è affidata la gestione del Fondo nazionale di garanzia per il consumatore di pacchetto turistico istituito dall’articolo 21  del decreto legislativo n.111/1995, di seguito denominato Fondo. 

2.    Compito del Fondo è quello di :

a.    assicurare al consumatore il rimborso del prezzo versato sia in caso di fallimento del venditore o dell’organizzatore, che in caso di accertata insolvenza degli stessi soggetti, tale da non consentire,  in  tutto o in parte, l’osservanza degli obblighi contrattuali assunti;

b.    organizzare il rimpatrio del turista in viaggio all’estero nel caso in cui si verificano le circostanze di cui  al punto  a ;

c.    assicurare la fornitura di un’immediata disponibilità economica in caso di rientro forzato di turisti da  Paesi extracomunitari in occasione di emergenze, imputabili o meno all’organizzatore.

3.    Il Fondo interviene esclusivamente nei casi in cui il pacchetto turistico è stato venduto od offerto in vendita con contratto stipulato nel territorio nazionale dall’organizzatore o dal venditore  in possesso di regolare autorizzazione.

omissis …

 

 Art. 5 - Domanda per l’intervento del Fondo fuori dei casi d’urgenza

1.     La domanda per accedere alle erogazioni del Fondo nazionale di garanzia per il turista è indirizzata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento del turismo, comitato di gestione del Fondo nazionale di garanzia.

 

2.    La domanda da presentare entro tre mesi dalla data prevista per la conclusione del viaggio, al fine di consentire al Fondo di avvalersi del diritto di rivalsa, è corredata da:

a.  contratto di viaggio in originale;

b.  copia della ricevuta del versamento della somma corrisposta all’agenzia di viaggio;  

c.   ogni elemento atto a comprovare la mancata fruizione dei servizi pattuiti. 

 

 I viaggi scolastici

Il preventivo nel rispetto della vigente circolare ministeriale "N. 291 del 14.10.1992" relativa ai viaggi d’istruzione.

·  Quando la scuola decide di effettuare un viaggio facendo uso dell’autobus, è buona norma che venga richiesto un preventivo di spesa e confrontato con almeno altre due offerte in modo tale da poterle comparare.

·  Nel formulare la richiesta sarà importante specificare il luogo di partenza e di destinazione con eventuali deviazioni di percorso in modo tale che il vettore possa formulare una quotazione esatta così da evitare previsioni di maggiori percorrenze e/o calcoli errati, l’orario che si intende fruire del servizio, il numero delle persone e la data di effettuazione. A tale proposito si ricorda che la C.M. 291 suggerisce di usufruire dove possibile del treno o in alternativa di vettori/Aziende paragonabili all’Ente FF.SS.

·  Da parte della scuola dovrà essere richiesta già in fase di preventivo, una dichiarazione da acquisire agli atti. riguardante le garanzie di espletamento del viaggio ed in particolare:

·  Di essere in possesso dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività di agente di viaggio o di trasportatore;

·  Dichiarazione di proprietà dell’automezzo, di revisione annuale, e la categoria del veicolo;

·  Dichiarazione del possesso di eventuali licenze comunali e relativi estremi d’identificazione;

·  Dichiarazione di impegno ad esibire l’autorizzazione di legge per gli autobus immatricolati "Uso terzi pubblico di linea";

·  Possesso di idonea patente di guida e relativo "Certificato di abilitazione professionale";

·  Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà rilasciata dal responsabile della Ditta o proprietario del veicolo che il personale addetto alla guida ha rispettato le norme in vigore per quanto concerne i periodi di guida e di riposo nella settimana che precede il servizio (regolamento CEE 3820/85);

·  Attestazione o fotocopia dei certificati di assicurazione dell’autobus da cui risulti che il mezzo abbia almeno una copertura di 5 miliardi a favore delle persone trasportate;

·  Dichiarazione che l’autobus è munito di cronotachigrafo e l’attestazione dell’avvenuta revisione annuale dello stesso da parte di officina autorizzata;

·  Dichiarazione di presentare a fine viaggio, se richiesto, fotocopie del disco del cronotachigrafo;

·  Dichiarazione che il veicolo presenta una perfetta efficienza dal punto di vista della ricettività, in proporzione al numero dei partecipanti e dal punto di vista meccanico. Efficienza comprovata dal visto di revisione annuale da parte dei tecnici degli Uffici M.C.T.C. provinciali.

·  Dichiarazione che nel viaggio d’istruzione allorché, per motivi del tutto eccezionali, sia organizzato in modo tale da tenere in movimento l’automezzo per un periodo superiore alle 9 (nove) ore giornaliere, saranno presenti 2 (due) autisti. L’alternarsi alla guida dei due autisti consente l’osservanza del regolamento CEE 3820/85, il quale prescrive che il periodo di guida continuata di un medesimo autista non può superare le quattro ore e mezza; in tutti i casi in cui il viaggio preveda un percorso di durata inferiore alle 9 (nove) ore giornaliere, l’autista effettuerà un riposo non inferiore a 45 minuti ogni quattro ore e mezza di servizio.

Ottenuto il preventivo di spesa del viaggio di certo non sarà facile valutare la scelta dell’affidamento ad una ditta rispetto ad un’altra.

E' auspicabile una scelta che privilegi la soluzione delle offerte più convenienti sotto l’aspetto economico e qualitativo, in modo da non incorrere nella soluzione (solo economica) che  in alcuni casi potrebbe nascondere problematiche che alla fine rendano il viaggio non consono alle aspettative.

 

 

  privacy informations (format PDF)

Up to date: 23/12/2013

Inviare a  leon@ttisrl.it un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
For questions or remark you send  leon@ttisrl.it  electronic mail on this Web site.